“Il gabbiano Jonathan Livingston” – Richard Bach

Ricordo ancora il giorno in cui ho acquistato questo libro. Eravamo entrati in una libreria a Marina di Massa e mio marito si era meravigliato che non lo avessi mai letto. Sotto suo consiglio lo comprai. Divorato in un paio di giorni.

Un libro intenso e carico di significati. Un libro poetico.

Per questo libro avevo redatto una recensione in tre parole. Una recensione veloce, anche per chi la legge.

Consiglio, a chi ha letto Il gabbiano Jonathan Livingston di pensare alle sue tre parole prima di leggere le mie. Sarà curioso confrontarle, magari insieme, e capire che cosa questa lettura ha lasciato a entrambi e cosa no.


Libertà

Volare per il piacere di volare, senza limitarsi a farlo per il cibo. Un po’ come lavorare per il piacere di farlo, e non per sopravvivere. Un po’ come vivere per il gusto di vivere, liberi da ogni bisogno e da ogni dovere. Questo, per me, è il sapore della libertà.

Reietto

Chi si scaglia contro qualcosa condiviso dalla maggioranza viene allontanato ed escluso. Chi parla con un reietto diventa a sua volta Reietto. Chi guarda un Reietto, diventa a sua volta un Reietto.

Essere reietti è non essere necessariamente conformi a quello che gli altri si aspettano. Non essere, quindi, uniformi.

Condivisione

Imparare cose nuove è bello, ma se si tiene per sé quello che abbiamo appreso, senza aiutare gli altri, che senso ha? Condividere quello che sappiamo è un modo per scambiare conoscenze. Un modo, quindi, per arricchirsi e crescere.


Le tre parole per “Il gabbiano Jonathan Livingston” di Richard Bach per me sono:

Libertà – Reietto – Condivisione


Il gabbiano Jonathan Livingston è quindi un inno alla vera libertà: quella che deriva dal piacere della conoscenza e dalla condivisione, dal distacco dalla necessità e dall’omologazione con chi ci circonda.
Essere se stessi, anche se vuol dire essere reietti. Essere liberi e condividere insieme quello che siamo, oltre quello che sappiamo.

Buona lettura!



3 pensieri su ““Il gabbiano Jonathan Livingston” – Richard Bach

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...