“Fai la nanna”


Lampedusa, Ottobre 2019.

Un naufragio. Madre e figlio ritrovati abbracciati.

Il bambino aveva l’età di Chiara, mia figlia. Impossibile non provare dolore.

Queste parole sono sgorgate fuori insieme al pianto.

Da madre a madre, questo il mio saluto.



Stringimi, Amore,

in questo viaggio

oltre il mare.

Manca poco, ormai.

Via, via dalla guerra,

da questa morte

che tu non capisci.

Guarda questo cielo,

lascia che culli i tuoi sogni.

Stringimi, Amore,

fai la nanna.

Stringimi, Amore,

voliamo

raso l’acqua.

I tuoi sogni

nostro vento,

e solo amore,

solo pace,

il nuovo mondo

carezzerà il tuo viso.

Stringimi, Amore,

fai la nanna.

Stringimi, Amore,

non ti svegliare.

Ce la faremo,

lo prometto,

manca poco alla fine

del nostro viaggio.

E toccheremo

una terra migliore.

La barca balla,

tu stringimi, Amore,

ti prego fai la nanna.

Stringimi, Amore,

in questo viaggio

oltre il mare.

Fa freddo, adesso,

e le mie braccia

sono stanche.

Ci sarà la pace

in quel nuovo mondo

che saprà amarti.

Sh, Amore, qualcuno grida.

Tu non ascoltare i miei pianti.

Stringimi, Amore.

Il nostro viaggio è finito,

ma tu fai la nanna.


Vuoi suggerirmi un argomento o una storia?

Una replica a ““Fai la nanna””

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: