Fuori ora! – “Il paese che mormora”, Annalisa Pacinotti



“Fuori ora!” segnala oggi il l’ultimo romanzo di Annalisa Pacinotti, “Il paese che mormora”, disponibile in tre formati: ebook (gratis con Kindle Unlimited), formato cartaceo con copertina rigida e quello con copertina morbida. C’è un personaggio in particolar modo che mi incuriosisce parecchio: quello della ragazzina di tredici anni che parla per tautogrammi! Penso sia stato molto complesso e molto stimolante la costruzione della psicologia e del linguaggio di questo personaggio.

La copertina di questo romanzo, come di “Carne della mia carne” (altra opera di Annalisa Pacinotti), è stata disegnata dalla figlia Fatmire. Il risultato è d’impatto.


Quarta di copertina “Il paese che mormora”

In un piccolissimo paese dell’Appennino una vecchia signora viene trovata morta in casa sua, dopo aver battuto la testa contro uno spigolo della stufa. È caduta a causa di un malore dovuto alla sua veneranda età o è stata spinta da qualcuno? Un professore tornato dopo molti anni nel paese natale indagherà insieme al suo vecchio padre e a una ragazzina di tredici anni che parla solo per tautogrammi. Tutt’intorno scorci di vita di montagna, un amico gravemente ammalato, antichi segreti e una vecchia storia d’amore che torna a farsi attuale.


“Il paese che mormora” in tre parole

Se l’autrice, Annalisa Pacinotti, dovesse descrivere il suo romanzo “Il paese che mormora” con tre parole, queste sarebbero: tautogrammi, ambivalenza e memoria.


L’autrice Annalisa Pacinotti si racconta così:

Annalisa Pacinotti nata a Pisa il 26.04.1957

Ho lavorato come costumista fino al 2013. Lavoro che ho dovuto lasciare in seguito a una grave malattia. Adesso abito in un piccolo paese di montagna in Garfagnana e mi dedico alle passeggiate con i miei cani, alla buona cucina e alla scrittura.

Con il libro “Carne della mia carne” nel 2020 ho vinto il primo premio per romanzi inediti al concorso nazionale Clara Sereni, in seguito al quale il romanzo è stato pubblicato dalla casa editrice Ali&no nel marzo 2021.

Sempre nel 2020 con il racconto Frammenti ha vinto il premio speciale Andrea Cammilleri al concorso nazionale ‘Donna sopra le righe’ che è stato pubblicato nell’omonima antologia e nel 2021 col racconto 25 Aprile sono arrivata terza al concorso letterario Penna d’autore, anche questo pubblicato in una antologia.

Ho un marito, (è il mio secondo marito) Fabrizio, che è stato il mio primo amore da ragazzina e che ho ritrovato da anzianotta e una figlia adottiva di 27 anni, Fatmire, che amo moltissimo. Il mio primo libro “Carne della mia carne” è dedicato a lei ed è la storia della dura battaglia che abbiamo dovuto affrontare per ottenere la sua adozione, ma soprattutto è il racconto del grande amore che ci unisce. Fatmire, soprannominata Titta perché lei non sopporta il suo nome originale, è anche la autrice delle immagini di copertina dei miei due libri.


Se il romanzo di Annalisa vi ha incuriosito, vi consiglio di approfondire qui:



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: